SOSTIENI IL SITO

Usemlab



La Gabbia... di Matti

scritto da Francesco Carbone il 09 Giu 2014 - Commenti (3)

La Gabbia... di Matti

Qualche giorno fa FunnyKing ha segnalato questo video, lo ringrazio, mi ha regalato più di una grassa risata giovando alla mia salute (ridere allunga la vita).

Le ragioni del silenzio

scritto da Francesco Carbone il 17 Mar 2014 - Commenti (11)

Le ragioni del silenzio

Nonostante tutta le mie buone intenzioni ancora non sono riuscito a riprendere gli aggiornamenti al sito come avrei voluto. Credo che a questo punto sia necessaria una spiegazione...

Un Anno Straordinario

scritto da Francesco Carbone il 28 Nov 2013 - Commenti (26)

Un Anno Straordinario

Il 2013 è l'anno del bitcoin, arrivato ieri a 1000 dollari l'uno dai circa 10 di inizio anno. L'esperimento continua con successo...

Rivoluzione Bitcoin

scritto da Francesco Carbone il 30 Ott 2013 - Commenti (60)

Rivoluzione Bitcoin

Il Bitcoin è un ingegnoso sistema decentralizzato di gestione sicura di certificati della proprietà senza il controllo di un'istituzione sopraordinata.

Moneta Privata

scritto da Administrator il 12 Ott 2013 - Commenti (5)

Moneta Privata

Titolo Originale: Money Can and Should Be Private Property (Il denaro può e dovrebbe essere proprietà privata) di Jeffrey Tucker.

Moneta Fiscale

scritto da Francesco Carbone il 07 Ott 2013 - Commenti (8)

Moneta Fiscale

Di recente sta avanzando una combriccola ancora più ingegnosa, soprattutto in materia di artifici contabili, che propone esperimenti monetari secondari come l'emissione di certificati di credito fiscali (CCF).

La Fede nell'Interventismo

scritto da Francesco Carbone il 04 Ott 2013 - Commenti (13)

La Fede nell'Interventismo

La cultura economica è davvero in decadenza da quando la presuzione di politici ed economisti dell'interventismo ha avuto la meglio sui principi assoluti della legge e dell'economia.

Tanto Rumore per Nulla (dall'America)

scritto da Francesco Carbone il 28 Set 2013 - Commenti (30)

Tanto Rumore per Nulla (dall'America)

Raramente mi è capitato di andare a leggere il blog Noise From America di Michele Boldin, noto incoerente liberista dei nostri tempi.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
VIDEO
AUDIO
DrMarkThornton RT @Esseti12: IBL is more likely to be related to the Chicago school. "Austrian" sites in Italy: http://t.co/u8t6TXzaWY & vonmises.it @DrM
18hretweetfavorite
Esseti12 IBL is more likely to be related to the Chicago school. "Austrian" sites in Italy: http://t.co/u8t6TXzaWY & vonmises.it @DrMarkThornton
18hretweetfavorite
usemlab RT @zerohedge: "Worst. Recovery. Ever." Except For Bankers http://t.co/r3BFLkGe7P
22hretweetfavorite
usemlab RT @dlacalle: Para Stiglitz "austeridad" es pasar de un gasto público del 45,5% al 49,1% del PIB en la UE http://t.co/CWXEWhhol6
22hretweetfavorite
usemlab @R_Calcolato e ora andate a fare in culo è l'apice sublime di questo splendido articoletto
M dretweetfavorite
usemlab RT @R_Calcolato: Verso la Bancarotta: Laffer (e gli 8o€ per Vincere le Europee) Distruggono il Bilancio dello… http://t.co/PrbO8pnIiB
M dretweetfavorite
usemlab RT @Stalingrad_Poor: Monaco $400 Million Penthouse Secrecy Booms: Real Estate http://t.co/6KAyeE9i3O
M dretweetfavorite
usemlab Quando muore il denaro anche la gente muore: The World Is on the Path to Global War http://t.co/jmouOgBJjx
M dretweetfavorite
usemlab RT @R_Calcolato: La Grottesca Montatura per Trascinare la Russia in Guerra (Guardate il prezzo dell’Oro… http://t.co/vF2agwrJKb
M dretweetfavorite
usemlab RT @Paterakis518: The Internet is a country based on true #freedom and #Bitcoin is its currency. @MadBitcoins
M dretweetfavorite
AnselmiKaiserMk RT @NOSTATO: OLTRE LA DEMOCRAZIA, ABBATTERE IL MITO CHE PIACE ALLA CASTA http://t.co/sylIy6ab5s via @MiglioVerdeRev
M dretweetfavorite
usemlab RT @R_Calcolato: (Renzi in pillole) Bombaman: “L’Italia trainera’ l’economia dell’Europa” (…verso il disastro) http://t.co/lTrrnA2v47
M dretweetfavorite
usemlab RT @themoneygame: This Is What $11.62 Trillion Worth Of Household Debt Looks Like http://t.co/ZAiQdafBJa http://t.co/Y5TuGPAYXG
M dretweetfavorite
usemlab RT @BloombergNews: BREAKING: Germany's 10-year bond yield drops below 1% for first time on record http://t.co/X3SWEEjUSm
M dretweetfavorite
ECONOMIA
MERCATI
EDUCATIONAL
SPECIALE

Ma è vera bolla quella dell'oro?

scritto da Francesco il 26 Nov 2009 - Commenti (5)

Ma è vera bolla quella dell'oro?

       L'intero sistema monetario internazionale basato sul dollaro sta implodendo sotto i nostri occhi.  

Quelli veramente ossessionati dall'oro

scritto da Francesco il 05 Dic 2009 - Commenti (1)

Quelli veramente ossessionati dall'oro

    Il vero cultore dell'oro è allo stesso tempo un cultore delle libertà economiche  

"Investire in Oro: un altro Trucco Semantico

scritto da Francesco il 23 Nov 2005 - Commenti (4)

Definire l'acquisto di oro un "investimento" è come definire la vendita di un bot  o di un cct "investimento in banconote denominate in euro

I Beni Economici e il Bene Moneta

scritto da admin il 29 Nov 2005 - Commenti (2)

I Beni Economici e il Bene Moneta

Acquistare il bene Moneta (che sia l'oro lo ha stabilito il mercato) può essere considerato come un investimento? La risposta è: senza alcuna ombra di dubbio!"

Banca centrale, inflazione e stato

scritto da admin il 05 Gen 2005 - Commenti (1)

Banca centrale, inflazione e stato

"Allo stesso modo in cui i cittadini ignorano il furto e l'omicidio quando commessi dallo stato, così tacciono quando è lo stato a intraprendere la falsificazione della moneta attraverso la...

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
VIGNETTA

Italic

Italic

Testo e Disegni: Flavio Tibaldi

Maynard e la Piena Occupazione

Maynard e la Piena Occupazione

Testo e Disegni: Flavio Tibaldi

Moody's

Moody's

Disegno di Paxtibi, Testo di Marcello Mazzilli autore di Stato?...

GRAFICO
Comit - Sep 09
Condividi


xomit

 
COMUNICAZIONI

Tempo di Agire

Tempo di Agire

Terminato con l'ultimo libro questo mio lungo lavoro didattico, gli obiettivi sui quali mi concentrerò...

LIBRI
ARTE

TIME - OVER

Dovevamo transitare in altri luoghi, perderci nella storia e nei numeri, incarnare figure e realizzare...

AU




 
AG,OIL




 
EU


 


 
US





 
I piu' letti
Ultimi articoli
ARTICOLI CONSIGLIATI
US Debt Crisis
The Gold Price for the Next 16 Years
Inflation: An Expansion of Counterfeit Credit
Will There Be QE3, QE4, QE5...?
2011 – The year when money starts to die
The Lull Before The Storm: What’s Coming in 2011
Did the Fed Really Say Inflation Isn't High Enough?
How the Bankers Have Trapped Bernanke
Why Deflation Never Had a Chance
How Hyperinflation Will Happen
Scuola Austriaca
La Scuola Austriaca
Moneta e Credito
Mises e il Ciclo Economico
Mises tra le due Guerre
Socialismo e Calcolo
Metodologia
L'Azione Umana
Mises in America
Speranze per il Futuro
Requiem al mercato azionario Stampa
Sabato 20 Settembre 2008 00:15
Condividi

Con questo rialzo artificiale, il più grande di tutti i tempi (a nostra memoria), è stato messo l'ultimo chiudo alla bara di un mercato zoppicante che ancora, in qualche maniera, nonostante gli interventi istituzionali sempre più massicci e pesanti, riusciva a preservare una sua qualche minima funzione vitale.

Oggi, 19 settembre, hanno ucciso il mercato lì dove si pensava che fosse il più efficiente. Nella patria di un capitalismo oramai agonizzante da tempo. Non poteva essere altrimenti dopo che il nuovo socialismo americano aveva trionfato in quella funesta data del 7 settembre con il salvataggio delle due F.
 
E' senza dubbio l'inizio di una nuova era. Il primo giorno di un qualcosa che nessuno aveva mai visto prima d'ora. Si è ufficialmente deciso, senza mezzi termini, nell'ultimo disperatissimo tentativo di risanare un meccanismo oramai rotto, che il mercato non può e non deve riaggiustare i propri parametri secondo l'azione spontanea dei suoi partecipanti.
 
E' stata negata con questa azione disperata delle autorità quella funzione del mercato che premia le aziende di successo e punisce le aziende che sbagliano. E' stato impedito che banche, assicurazioni, finanziarie, un sistema quasi criminale che stava pagando i propri errori con il fallimento, ricevesse la sua giusta punizione dal mercato. In questo mondo, possono fallire gli imprenditori di qualunque industria, non i banchieri. Da oggi è finalmente chiaro.

Un privilegio speciale concesso dallo stato. Non bastava quello di stampare moneta dal nulla grazie al moltiplicatore monetario. Adesso viene concesso un privilegio ancora più speciale. Godere della protezione dallo stato per gli errori commessi. Protezione che paghiamo noi taxpayers. I tartassati. Con il nostro lavoro e i nostri sudati risparmi.

Non bastava farci pagare una burocrazia sempre più inefficiente e dilagante, e praticamente del tutto inutile. Adesso dobbiamo anche pagare i banchieri e le loro bische di affari. Vengono assolti dai loro errori con un premio speciale e rimangono tutti al loro posto. Onesti e farabutti. Senza distinzione. La distinzione la stava facendo il mercato. Non andava bene.

Prima si vendeva spazzatura alla gente direttamente dagli sportelli. Adesso che la gente quella spazzatura non la compra più, non la vuole più, ha scoperto che non valeva quasi nulla, si consente a chi ha prodotto e accumulato troppa spazzatura di smaltire i rifiuti tossici direttamente in un gran bel superbidone finanziato guarda un po' sempre dai soldi del popolo che indirettamente torna a comprali contro la propria volontà, dietro la vacua promessa che tutto viene fatto per il loro bene!!

Non solo, grazie all'aiuto di oggi, i banchieri potranno anche vendere nuove azioni delle loro società a un prezzo più alto di quello che ieri aveva stabilito il mercato. Le banche avevano bisogno di ricapitalizzarsi. Ma il prezzo del mercato era troppo basso e sarebbe stato penalizzante. Grazie all'aiuto di stato, potranno farlo a un prezzo per loro più remunerativo. Pagano ancora i risparmiatori, direttamente o indirettamente.

E' defunta poi del tutto la funzione di price discovery. La più importante. Il mercato cerca di continuo il prezzo più equo possibile di un asset. Che remuneri ragionevolmente nel tempo l'investitore tramite il reddito che quell'asset che produce. Costituisce la sua funzione principale. Il prezzo di mercato è pertanto la guida fondamentale per le decisioni di allocazione dei capitali, perchè esse avvengano nella maniera più efficiente possibile (non perfetta, la perfezione non è di questo pianeta).
 
Non bastava controllare e determinare artificialmente i tassi di interesse tramite le decisioni arbitrarie delle banche centrali. Oggi è stato impedito anche al mercato azionario di cercare in maniera autonoma quel prezzo più ragionevole possibile che dia un senso e orienti le decisioni degli agenti economici nella maniera più razionale possibile. Salta per aria pertanto ogni sistema di riferimento per un calcolo economico razionale. Siamo in pura economia di piano. Come nella russia di 20 anni fa.

Da oggi le autorità hanno deciso definitivamente di impedire al mercato di scendere. Le azioni possono e devono solo salire. Finchè salgono infatti va tutto bene. Anzi quando il trend è al rialzo si cerca di pompare le borse il più possibile perchè un mercato azionario che sale da illusione di prosperità alle masse. Sono felici e possono essere rimbecillite più facilmente. Le bolle azionarie quindi non si impediscono mai.

Si impedisce sempre e solo il ritorno dei prezzi a valori razionali. Una volta c'era la greenspan put che impediva al mercato di scendere. La sicurezza che prima o poi sarebbe intervenuto il banchiere centrale a salvare i mercati dal crollo. Oggi non ci sono più put di un banchiere centrale.
 
Ci sono Bernanke - Paulson - SEC - FSA che cambiano le carte del gioco dalla mattina alla sera e stabiliscono che i numeri sul tabellone decisi dagli attori economici non vanno bene. Bisogna cambiarli dalla mattina alla sera. 1000 punti di dow jones, 140 di S&P, 350 di eurostoxx nel giro di 24 ore. Nell'illusione vana che domani possa cambiare d'improvviso anche l'economia reale. 

Puro delirio e pura follia. Ma per loro l'importante è sostituire dei numeri che mantengano la confidenza del popolo nel loro sempre più gigantesco truffone. E comprare ancora tempo per tenere le loro poltrone sotto il culo. Tu avevi un poker d'assi in mano, avevi fatto la tua puntata. Arrivano loro a dire che l'asso vale meno del sette e la doppia coppia più del poker. Calano la loro doppia coppia di 7 e di 8 e raccolgono tutto quanto messo in gioco. E se lo spartiscono con i loro compagni di merende.

Da oggi quindi è vietato vendere allo scoperto. Forse fino al 3 ottobre, forse a data indeterminata. Qualora il mercato tornasse giù ancora una volta a causa di vendite naturali, di gente stufa e sfiduciata che vuole liquidare quello che ha, ringraziando anche per il prezzo speciale, non resterà che impedire del tutto le vendite e magari obbligare la gente per legge a comprare azioni. Il 20% dello stipendio tutti i mesi, altrimenti vi arrestiamo.

La mossa di vietare le vendite allo scoperto ha inoltre due conseguenze da non sottostimare. Toglie liquidità al mercato, e toglie una futura domanda di sostegno al mercato.

Toglie liquidità perchè innazitutto si tolgono di mezzo coloro che vendevano azioni prese a prestito.  E in secondo luogo perchè così facendo si interrompe anche il naturale funzionamento del mercato delle opzioni dove il market maker ha la necessità, per poter operare, di andare "corto". La liquidità è importante per un mercato più efficiente. Con la mossa di oggi si sono eliminati dal casinò (oramai non è altro) quei partecipanti "cattivi" che  tra l'altro agivano per punire le aziende che hanno sbagliato. Rimangono quelli buoni che possono solo comprare.

Praticamente adesso che è diventata scomoda si getta sulla strada quella finanza che invece espletava a suo modo una funzione importante del mercato. Finchè quella industria dell'hedge funding serviva a tirare su le borse nell'onda speculativa rialzista tutto bene, la si faceva lavorare in pace. Anzi, diciamolo chiaramente, è solo grazie a tutta quella liquidità iniettata in questi anni che quella industria ha potuto svilupparsi in maniera abnorme. Prima li si è fatti proliferare. Poi li si è uccisi dalla mattina alla sera. Cosa faranno domani non si sa. Scatolone anche per loro come per quelli della lehman. E non sono pochi. Attenzione ai prossimi numeri della disoccupazione!

Impedendo le vendite allo scoperto si toglie anche futura domanda di sostegno al mercato, perchè un domani quei venditori allo scoperto, che presto o tardi devono riacquistare i titoli "sani", ma anche quelli più marci, non saranno più presenti ad assorbire le vendite naturali. A questo punto se il piano di salvataggio fallisse (come dovrebbe ragionevolmente fallire se solo la gente riuscisse a ragionare cinque minuti con la propria testa) e arrivasse quella valanga di vendite che sarebbe naturale lecito aspettarsi di fronte all'assassinio del mercato azionario perpetrato oggi, sarebbe per le autorità un gran bel problema. Come già detto non rimarrà che obbligare i cittadini a comprare titoli, pena l'arresto.

Il capitalismo agonizzante quindi è morto. E con se si porta la più grande scommessa fatta da uno stato oramai complice di quei colpevoli che hanno creato questa situazione. Se vincono, il prezzo sarà pagato dai tartassati, e da un mercato dei capitali che non sarà mai più quello di prima. Con conseguenze gravissime per l'economia reale. Se perdono la grande depressione del XXI secolo sarà cosa inevitabile. Una lose-lose situation. Il mondo ha da rimetterci in ogni caso. Perlomeno, questa volta e a differenza del 1929, il responsabile sarà ben chiaro. Impossibile sbagliarsi.
 

EBOOK


SCOPRI I NOSTRI LIBRI !

A SCUOLA DI ECONOMIA

CONTANTE LIBERO

ContanteLibero.it
2002-2014 Usemlab Economia e Mercati - Credits: Wirinform.com

Le opinioni espresse non costituiscono sollecitazione all'acquisto o vendita di strumenti finanziari
e possono variare senza preavviso.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiche' non viene aggiornato con periodicita' regolare.
Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Escort