SOSTIENI IL SITO

Usemlab



Riflessioni sul Fallimento Cipriota Stampa
Scritto da Francesco Carbone   
Martedì 19 Marzo 2013 18:17
Condividi

cyprusIl fallimento di Cipro e il conseguente salvataggio dovrebbero essere di stimolo per diverse riflessioni. Vediamo di presentarne alcune qua di seguito.

1) Un paese che offre vantaggi di diversa natura, prima di tutto fiscale, si pone indubbiamente come beneficiario di flussi monetari provenienti dall’estero in cerca di protezione, opportunità di investimento, migliori rendimenti, etc. Ciò dovrebbe essere un fattore positivo: più soldi stranieri arrivano tanto meglio per l'economia nazionale; tuttavia così non è stato nel caso di Cipro: i massicci afflussi monetari confluiti nel sistema bancario nazionale, piuttosto che apportare benefici di lungo termine, hanno solo amplificato quel fenomeno dei “malinvestment” che, come spiega bene la Scuola Austriaca, alimenta un pericoloso ciclo economico. Nel caso di specie, tanti soldi arrivati dalla Russia venivano prontamente rigirati nel paese d’origine in investimenti di dubbia qualità, tanti altri sono stati allocati in titoli di stato della Grecia. Entrambi gli investimenti si sono rivelati un gran fallimento e nel giro di qualche anno (Cipro è dentro l’Euro solo dal 2008) hanno portato al collasso l'economia cipriota.

Il problema originario sottostante però è stato indubbiamente quello della riserva frazionaria che espande e moltiplica il denaro creandolo dal nulla. In assenza di riserva frazionaria il paese non sarebbe finito in bancarotta. Invece l'effetto ricchezza dovuto alla moltiplicazione del denaro si estende presto e corrompe chiunque e qualunque cosa, risolvendosi presto o tardi in un collasso del sistema bancario, peraltro la stessa cosa accaduta un po’ ovunque nel mondo occidentale. Un sistema bancario sano avrebbe evitato questi problemi con una crescita più modesta ma senza alcuna crisi finanziaria successiva. Soprattutto in caso di errori avrebbe permesso di identificare gli autori degli stessi lasciandoli unici responsabili delle proprie "scelte di investimento”. Se l'America e altri paesi più grandi come la stessa Italia hanno finora scampato il fallimento è solo grazie all'intervento delle banche centrali nonché ad una maggiore diversificazione dei malinvestment che tendono ad emergere in tempi più lunghi.

2) Un altro problema parallelo a quello finanziario è stato quello politico. Come nel caso italiano gli enormi benefici apportati dall'entrata nell’Euro anziché essere sfruttati sono stati largamente sperperati. Lo sperpero è stato addirittura maggiore, perché nell’espansione statale, finanziata come al solito dal sistema bancario, sono stati gettati al vento anche i flussi monetari provenienti dall'estero. La spesa del governo cipriota è cresciuta dell'8.3% l'anno anziché limitarsi a un 3-4% l'anno ben sotto i livelli di crescita del GDP locale. Come stima qualcuno, con un governo meno spendaccione, oggi Cipro avrebbe potuto allinearsi in quanto a ricchezza e libertà economiche a paesi come Singapore od Hong Kong.

3) In tutto questo, il bailout tramite prelievo forzoso dai conti correnti per far fronte alla situazione di emergenza, ha costituito una mossa alquanto insolita e curiosa. Se da un lato è vero che in qualche modo si è giunti a far pagare il conto direttamente alle banche (tra loro azionisti, obbligazionisti e depositanti) anziché in maniera più indiretta ai cittadini intesi come contribuenti, essa rappresenta una mossa alquanto azzardata, non tanto perché intacca la vaga e di fatto inesistente proprietà dei cittadini sui depositi ma proprio al contrario perché apre il vaso di pandora sul fatto che i soldi depositati in banca non siano affatto di proprietà dei cittadini ma delle banche. Rendere involontariamente consapevoli i cittadini di questa sottile differenza è l'ultima cosa che il pianificatore centrale avrebbe dovuto fare per continuare a tenere sotto controllo l’imbarazzante situazione che è il carrozzone allo sbando dell’Unione europea.

In ultima analisi, infatti, per tenere in piedi questo sistema finanziario totalmente basato sulla fiducia e sulla gestione centralizzata anziché sulla solidità di contratti chiari e trasparenti, è necessario che la grande illusione sulla sicurezza dei depositi bancari resti inviolata, pena corse allo sportello e pericolosi deflussi di denaro dal circuito bancario. Il prelievo forzoso dai depositi (di proprietà della banca e non dei clienti, ci tengo a risottolineare) si pone come evento critico in grado di minare ulteriormente la già debole fiducia dei depositanti nei confronti del sistema bancario europeo e di riaprire le possibilità di un domino finanziario, temporaneamente evitato solo dal bluff di Draghi dell’estate scorsa.

Alla fine di tutta questa incredibile confusione che continua ad avere come protagonisti personaggi senza scrupoli e più di qualche emerito imbecille, resta però chiaro un punto: i principali responsabili del fallimento cipriota e di questa ennesima tragedia sociale la passeranno liscia mentre ancora una volta la popolazione sarà colpita a casaccio, rea di due colpe: aver ignorato la tremenda confusione sui diritti di proprietà che riguardano i soldi depositati in banca e aver creduto nel processo politico come fonte di prosperità quando invece ancora una volta si è dimostrato essere causa di disastri sociali.

 
(37 voti, media: 4.86 di 5)

Commenti 

 
+2 # gardel 2013-03-19 19:48
Dove vorranno ad andare a parare questi autosupposti onnipotenti...
 
 
+2 # massimotan 2013-03-19 19:55
A questo punto ci vorrebbe proprio un bel post sul dove e come poter aprire in maniera legale un conto all'estero.
Ringrazio anticipatamente e sentitamente.
 
 
0 # weltview 2013-03-20 14:14
Se per "estero" intendi la UE, basta un biglietto Ryanair, ti presenti allo sportello e apri un conto. In Germania non mi hanno fatto problemi.
 
 
+2 # Gatto rognoso 2013-03-19 20:11
quale "estero", vista l'interconnession e dei sistemi a regime di fiat money ?
 
 
+2 # Folletto 2013-03-19 20:19
http://kingworldnews.com/kingworldnews/KWN_DailyWeb/Entries/2013/3/19_Sinclair_-_Cyprus_Disaster_Is_Much_Bigger_Than_Being_Reported.html

500 miliardi a cipro?
 
 
0 # Francesco 2013-03-19 22:20
il parlamento cipriota ha respinto il prelievo sui conti bancari! la cosa si fa sempre più interessante

http://www.bloomberg.com/news/2013-03-19/cyprus-rejects-deposit-levy-in-blow-to-european-bailout-plan.html
 
 
0 # Antonio 2013-03-20 10:17
Opinioni "della strada", è proprio il caso di dirlo:

..."Un taxista londinese ci spiega la grande rapina bancaria perpetrata dall’UE

«Se possono prendersi i soldi da Cipro, lo potranno fare ovunque, vi entra nella testolina?»...".


Godetevi il video (tenete basso il volume !)..."
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=YDXtHsz2q6Q#!

Fonte:
http://www.zerohedge.com/news/2013-03-18/london-cabbie-explains-great-eu-bank-robbery-and-much-much-more
 
 
0 # Folletto 2013-03-20 10:20
http://kingworldnews.com/kingworldnews/KWN_DailyWeb/Entries/2013/3/19_Sinclair_-_Cyprus_Disaster_Is_Much_Bigger_Than_Being_Reported.html

Raga....: fonte certa mi conferma i numeri espressi da Jim nell'intervista sopra.

E' veramente peggio di Sarajevo nel 1914

Il presente indicativo del verbo avere si fa la H addosso.
 
 
0 # ciromas 2013-03-20 11:40
con questi continui stampaggi confondono il denaro come come fine e non come mezzo quale dovrebbe essere
 
 
0 # ciromas 2013-03-20 12:43
http://www.mercatoliberonews.com/2013/03/occhio-i-patti-di-stabilita-nascondono.html

certo che il prelievo sui conti fa scalpore perchè non si ha contezza di altri prelievi che sono anche più consistenti e che passano inosservati ...
 
 
0 # Folletto 2013-03-20 13:31
Mentre il ministro spagnolo dell'Economia Luis De Guindos ha proclamato in Senato che i depositi in banca sotto i 100 mila euro sono sacri e che i risparmiatori non si devo allarmare, la Spagna ha cambiato una norma costituzionale che consente un prelievo forzoso una tantum dai conti (prima era proibito per legge). Per il momento lo stato sostiene che quella tassa "non sara' molto piu' alta dello 0%" ed e' rivolta a quelle regioni che "non hanno compiuto alcuno sforzo per raccogliere entrate fiscali". .
 
 
0 # sponci 2013-03-20 20:31
http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/il-pasticcio-di-cipro-sar-un-trauma-per-leuro-52773.htm

..curioso...qui dice chiaramente e fuori dai denti che il deposito bancario è in realtà un prestito alla Banca.
quanti degli zombies lo capiscono ??

é per questo che non succede GNENTE (TM).
 
 
0 # Folletto 2013-03-21 01:21
http://www.zerohedge.com/news/2013-03-20/saxo-bank-ceo-cyprus-deposit-levy-first-sign-widespread-wealth-tax

CEO Saxo Bank: Be Safe out of there
 
 
0 # Folletto 2013-03-21 03:13
Bernanke dal min 47' 25'' conferma che se ci fosse il contagio anche in USA ci potrebbe essere il prelievo dai depositi......

http://www.youtube.com/watch?v=zMzR5s3H_00&feature=player_embedded#!
 
 
0 # AlessioR 2013-04-21 23:13
http://www.movimentolibertario.com/2013/04/fine-del-segreto-bancario-fine-della-civilta/
 

SCOPRI I NOSTRI LIBRI !

A SCUOLA DI ECONOMIA

CONTANTE LIBERO

ContanteLibero.it
2002-2014 Usemlab Economia e Mercati - Credits: Wirinform.com

Le opinioni espresse non costituiscono sollecitazione all'acquisto o vendita di strumenti finanziari
e possono variare senza preavviso.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiche' non viene aggiornato con periodicita' regolare.
Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Escort