SOSTIENI IL SITO

Usemlab



Ancora quelli della Lira Stampa
Scritto da Francesco Carbone   
Mercoledì 25 Settembre 2013 11:23
Condividi

 

altNon sopporto più le stupidaggini propagandate dalla banda "Usciamo dall'Euro e torniamo alla Lira" che appestano e infestano il web. Come giro su qualche sito italiano ci sbatto sempre contro, se ne trovano oramai di tutti i colori (politici). L'ultimo da voltastomaco nel quale mi sono imbattuto è il seguente: Lettera ad un Amico Immaginario: l’uscita dall’Euro è questione essenziale (a breve sara’ questione di mera sopravvivenza). Non sembra il solito articolo prodotto dalla Magic Money Theory, o MMT, ma da qualche aspirante economista che non vede oltre Milton Friedman, nello stesso articolo definito come autentico liberale. Autentico Liberale? I liberali autentici non ripongono nelle mani dello Stato e della Banca centrale la falsificazione istituzionale del denaro, sottraendo il bene monetario al libero mercato. Questa è da parte dei monetaristi una contraddizione insormontabile rispetto a tutti gli altri principi di cui apparentemente sono sostenitori. Ma è così difficile da capire? Per qualcuno sì, evidentemente. E infatti gli errori sono tragicamente ripetuti in questo altro articolo pieno di corbellerie economiche: Perchè l’Italia ha bisogno di una svalutazione e perché questo non ha nulla a che vedere con lo “stampare denaro per svalutare”.

Segnalo a tal proposito l'ultimo video di Huerta de Soto "In difesa dell'Euro" (sottotitolato anche in italiano) che, per quanto ingiustamente magnanino nei confronti della BCE, spiega ancora una volta in appena 30 minuti i pregi della moneta unica. Una moneta rigida, non manipolabile, non svalutabile, è essenziale per il corretto funzionamento di un libero mercato, e non il contrario. Io voglio una moneta più rigida possibile, di metallo se possibile, prodotta dal libero mercato (il bitcoin in tal senso è rigidissimo e prodotto dal mercato benché abbia il difetto di non essere un bene tangibile). Ciò deve andare di pari passo con un quadro normativo fiscale in cui la funzione imprenditoriale possa espletarsi agevolmente. Se l'Italia viene soffocata dall'Euro, verrebbe impiccata all'istante da un ritorno alla moneta metallica, ma questo è dovuto al fatto che il paese è irrimediabilmente più fallito di tanti altri che stanno soffrendo o torneranno a subire le conseguenze del peggior sistema monetario mai adottato dall'umanità. E non il contrario. L'inversione causa effetto è alla base di tanti cialtroni monetari che infestano la rete.

Mike Maloney ha pubblicato la terza parte del suo Hidden Secrets of Money. Consiglio a tutti di vederlo (in inglese senza sottotitoli purtroppo). Una delle frasi più belle che ripete è: "Credo che il migliore investimento che possiate fare nella vostra vita è nella vostra educazione, educazione sulla storia del denaro, educazione finanziaria, educazione su come funziona l'economia globale, educazione su come questa gente, le banche centrali, vi ingannano e vi truffano, se imparerete come funziona il mondo finanziario potrete posizionarvi nel lato giusto del trasferimento di ricchezza che avverrà nei prossimi anni".

Con i 7 titoli pubblicati come USEMLAB credo di aver approfondito in lungo e in largo la questione monetaria che fornisce una fondamentale educazione di base su tutti questi argomenti. I più importanti dei nostri tempi. Perchè come dice il pazzo tassista inglese, questa non è (solo) una recessione, è una vera e propria rapina. Si sta compiendo attraverso l'Euro, si compirebbe comunque attraverso la Lira, come si sta realizzando attraverso il Dollaro o la Sterlina inglese. Se quell'educazione fosse di comune dominio non saremmo mai arrivati a questo punto, specialmente in questo paese dove la Lira per anni, decenni, ha abilmente celato i problemi strutturali che stanno affondando l'Italia. Soluzione per certa gente: torniamo a nascondere i problemi con la svalutazione della Lira sul Forex. Per quanto? Per altri tre anni? Fino al prossimo fallimento del paese? Buffonate!

Non si preoccupino i sostenitori della Lira, per forze naturali di mercato presto o tardi ci sarà una nuova crisi mondiale e sarà una crisi monetaria, ancora più spaventosa di quella del 2008. Personalmente, come Maloney, sono convinto che avverrà entro la fine della decade. A differenza del 2008 sarà irreversibile e le banche centrali non potranno più fare niente. Sarà il più grande trasferimento di ricchezza della storia dell'umanità. Il piccolo risparmiatore potrà appena difendersi preservando il capitale con una piccola assicurazione metallica, ma per chi gode di discrete ricchezze finanziarie sarà un momento decisivo, se posizionato dal lato sbagliato verrà spazzato via e tornerà ad allungare le fila lunghissime dei proles, se posizionato dal lato corretto godrà della più grande opportunità di consolidare e moltiplicare il proprio patrimonio.

Dopo l'ennesima lezione del 2008, seguita a quella del 2001, noto che ancora pochi soggetti che godono di discrete ricchezze finanziarie hanno capito qualcosa dei problemi in corso. Rifiutano di comprendere la realtà di questo sistema economico marcio alle sue fondamenta (in fondo fanno inconsapevolmente parte di coloro che sono stati salvati dalle banche centrali godendo della redistribuzione del bottino prelevato agli strati medio-bassi della popolazione), continuano a perseverare negli stessi errori, Pensano davvero che Draghi e Bernanke abbiano finalmente messo a posto la situazione. E' l'ultima grande illusione, non vorrei rubare il titolo azzeccatissimo del blog di Stefano Bassi, ma davvero questo è l'ultimo Grande Bluff. In questo contesto la banda della Lira non sta facendo altro che proporre una illusione alternativa e non sorprende che qualcuno di loro, talmente autoilluso, abbia cominciato a scrivere ad amici "immaginari". Che qualcuno chiami la neuro o regali a costoro La tragedia dell'Euro di Philipp Bagus. Ultime 20 copie rimaste. Forse meno.

 
(24 voti, media: 4.71 di 5)

Commenti 

 
+2 # Borderline.Keroro 2013-09-25 14:04
è appena evidente che una moneta solida e onesta non può esistere in un sistema a valute fiat e banche centrali.
L'articolo cui ti riferisci, però, a mio avviso pone l'accento sul fatto che la Germania tramite l'euro ha trovato il modo di mettercela in corpo con una bella "svalutanzioncin a" competitiva (abbassando i costi).
E' pur vero che abbiamo fatto le cicale sperperando, ma la Merkel è a capo di una associazione per delinquere stile strozzino: vuole la libbra di carne pattuita + un paio di organi interni.
Ogni tanto ho modo di litigare con qualche amico sulla faccenda "Tedeschi onesti e leali - Italiani furbi e mafiosi". Conoscendoci e conoscendoli mi sento di affermare che noi facciamo i furbi nelle piccolezze (dimostrando pertanto una stupidità oscena) ove loro invece si sono guadagnati una nomea di popolo irreprensibile e disciplinato.
E invece dove il gioco vale veramente la candela ritengo che i Tedeschi siano dei gran figli di buona donna.
 
 
0 # tommasodaquino 2013-09-25 14:17
Visti i post e sopratutto i commenti, cerco in qualche modo di instillare qualche sano principio con qualche commento, ma oramai RC è completamente dominato da MMTers, Keynesiani, neokeynesiani e compagnia bella...
 
 
+1 # Borderline.Keroro 2013-09-25 14:39
ma infatti, ho cominciato a leggere RC perché mi sentivo "solo" e avevo bisogno di notizie. Ma mi sono accorto che c'è una deriva sempre più evidente. In ogni caso oggi bisogna fare i conti ancora con valute fiat, e restare nell'euro significa restare nella UE, creatura mostruosa che io odio profondamente. Così carica di difetti che nemmeno la vecchia Italietta. Poi, tanto, sono convinto che prima o poi ci sveglieremo dal brutto incubo bancario e festeggeremo appendendo i vari banchieri e i loro lacché ai lampioni
 
 
0 # Ascanio 2013-09-25 16:51
Quegli articoli solo presi dal sito "ScenariEconomic i" che è un blog anti-euro alla Bagnai. Non capisco perché Paolo Rebuffo li pubblichi, i suoi articoli sono di tutt'altro spessore, di certo non favorevoli alla lira o alla svalutazione monetaria.
 
 
0 # Borderline.Keroro 2013-09-25 17:38
non seguo molto S.E., noto però che in RC a volte vengono pubblicati articoli contrapposti.
Dal canto mio sono più contrario all'euro che alla Lira da sempre. Anche se temo che in un nuovo cambio di divisa c'inchiappettereb bero di nuovo, perché è evidente che con il neuro abbiamo lasciato un bel po' di ricchezza ai banchieri.
Ovviamente non è ancora il momento di ritornare diffusamente ad una moneta sana. Accontentiamoci di metter via un paio di pezzi d'oro, d'argento, qualche bitcoin, viveri e sigarette (non fumo).
 
 
0 # Ascanio 2013-09-25 18:20
Ti ripeto, ilmotivo per cui ci sono articoli contrapposti è che oltre a quelli di Rebuffo (firmati FunnyKing) ci sono quelli presi da SE. Se vai al primo link anche se il sito è quello di RischioCalcolat o sotto al titolo dell'articolo c'è scritto da dove è tratto. Anche il secondo articolo era stato pubblicato pure su RischioCalcolat o e francamente non capisco se è per scelta di Rebuffo di pubblicarli e per quale motivo.
 
 
+2 # Folletto 2013-09-25 15:54
Nessuno studia nulla e quei pochi che dicono le cose giuste si sentono come Mises scrisse nella sua autobiografia a Ginevra nel 1940, citato all'interno del forum:
A volte nutrivo la speranza che i miei scritti avessero potuto portare frutti concreti, mostrando la strada giusta; ho sempre cercato prove di un cambio paradigmatico. Ma… alla fine ho capito che le mie teorie spiegano le cause del tramonto di una grande civiltà; non lo prevengono. Volevo essere un riformatore, divenni solo lo storico del declino
 
 
0 # mix 2013-09-25 15:53
Crisi monetaria mondiale entro la fine della decade?
Per James Rickards:

“When the international monetary system collapses and it comes time to rewrite the rules of the game and create a new system…[it's] going to be [all about] how much gold you have. So it’s not surprising that everyone is trying to get their hands on as much gold as possible.”

“It’s a very deep game but you can see it playing out and it will come to an end in the next couple years,”

http://bullmarketthinking.com/james-rickards-when-the-international-monetary-system-collapses-its-going-to-be-about-how-much-gold-you-have/
 
 
+1 # mauro3 2013-09-26 10:28
Bellissimo articolo, che riassume alcuni concetti fondamentali per capire ciò che succede.

Modificare l'offerta di moneta equivale a modificare la definizione di Metro, Litro, o Kilogrammo.
Sarebbe un casino se ciò che oggi pesa 1,5 Kg, fra una settimana pesasse 2,7 Kg pur restando perfettamente uguale.

E' per questo che economia e finanza sembrano cose tanto difficili.
 
 
0 # pinusnigraustriaca 2013-09-27 17:33
C'è il "pilota automatico" di Draghi. C'è "l'irreversibilità " dell'euro. C'è il "modello Cipro". Di che discutiamo? Il nostro destino è la Grecia: poco più, poco meno. Ma potrebbe pure essere molto peggio...

P.S. Segnalo una risposta di GPG Imperatrice all'articolo di Francesco sul sito del Movimento Libertario.
 
 
+1 # Folletto 2013-09-27 19:09
Citazione pinusnigraustri aca:
C'è il "pilota automatico" di Draghi. C'è "l'irreversibilità " dell'euro. C'è il "modello Cipro". Di che discutiamo? Il nostro destino è la Grecia: poco più, poco meno. Ma potrebbe pure essere molto peggio...

P.S. Segnalo una risposta di GPG Imperatrice all'articolo di Francesco sul sito del Movimento Libertario.



NON MI SEMBRA UNA RISPOSTA, quella gpg purtroppo e' l'n-esima che sviluppa una propria teoria: proprio vero tutti gli italiani sono allenatori della nazionale.
 

SCOPRI I NOSTRI LIBRI !

A SCUOLA DI ECONOMIA

CONTANTE LIBERO

ContanteLibero.it
2002-2017 Usemlab Economia e Mercati - Credits: Wirinform.com

Le opinioni espresse non costituiscono sollecitazione all'acquisto o vendita di strumenti finanziari
e possono variare senza preavviso.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiche' non viene aggiornato con periodicita' regolare.
Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Escort

Informativa sull'utilizzo dei cookie : Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito, l'utente acconsente al loro utilizzo. Per info o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie leggi l'Informativa Estesa. Continuando a navigare nel sito, l'utente acconsente al loro utilizzo.Ok