SOSTIENI IL SITO

Usemlab



Comincia il QE Stampa
Lunedì 02 Marzo 2015 00:19
Condividi

Volevo scrivere due righe a commento di questo vomitevole articolo: "Perché è Draghi il motore della crescita europea" ma di fronte a tanto orrore proprio non ce la faccio. Fatelo voi se volete, io dico solo che con questa gente a guida dell'opinione pubblica del paese l'Italia e gli Italioti si meritano questa crisi che va avanti da anni e pure cento volte peggio. Arriverà anche il peggio, ancora lo ripeto non si è visto nulla. Basta aspettare, preferibilmente lontano dal paese. Buon QE a tutti, che non risolverà niente e vi toglierà ancora tanti soldi dalle tasche e dal conto in banca.

 
(3 voti, media: 5.00 di 5)

Commenti 

 
+5 # GIG64 2015-03-02 08:48
è un complice del Con Game.
poveri itagliani :cry:
 
 
+5 # mauro3 2015-03-02 10:12
Francesco tu hai ragione, ma mettiti nei panni del 99% che (colpevolmente) di economia non sa nulla, che ha frequentato la scuola pubblica ed è stato condizionato da tutti ad avere fede (obtorto collo) nell'autorità.
Per quel che mi riguarda cerco di salvaguardare me e la mia famiglia e ti rigrazio per i preziosi consigli che ci hai elargito (GRATIS !!!).
 
 
0 # Borderline.Keroro 2015-04-30 01:07
ma pensa che quelli che hanno studiato economia sono messi pure peggio di quello che zappa la terra.
Scambi amorevoli d'opinione con gente che sa mi ha fatto capire che è inutile resistere: se fosse vivo Keynes lo direbbe ai quattro venti che gli economisti non hanno capito una mazza, suggerendo loro di dare un'occhiata a quanto diceva il caro vecchio Hayek.
E niente, ragazzi, l'aereo ha i motori in fiamme e per spegnerlo niente di meglio di una bella innaffiata con la benzina. Verde, che noi siamo ecologisti, eh!
 
 
+2 # matteopagano 2015-03-02 14:40
Il QE serve al 3% della popolazione. Chi ha patrimoni investiti in fondi azionari o direttamente in azioni valide si è visto negli ultimi tempi esplodere letteralmente i rendimenti! Queste persone non possono che ringraziare Draghi mille volte. Poi dovranno scappare prima che un crack di vario genere non li sorprenda. Ma intanto questa gente apre bottiglie di champagne ogni settimana. Cosa arriva alla gente comune? Un gran poco.... forse solo la convinzione che il nostro sistema capitalista regge e si può continuare a vivre come sempre cercando schivare i rischi di licenziamento e/o fallimenti economici
 
 
+2 # hubbert77 2015-03-02 17:35
Il QE Europeo semplicemente aumenta il già consistente spostamento di capitali dall'Europa all'America...

In poche parole c'è QE e QE....

Che QE che ci fanno... :eek:
 
 
+8 # pinusnigraustriaca 2015-03-02 18:57
Ai miei ragazzi (a scuola) Mario Draghi non è per niente simpatico ;-)

...e a maggio breve corso di economia (imparata qui e sui libri USEMLAB)

tu ne cede malis...
 
 
+6 # mfc 2015-03-03 10:55
bravo!!!!!!!!!! !!!!!
dal QE non percola solo la diossina, ma anche la reazione di qualcuno che farà quel che potrà con le sue mani.
E' poco? Non importa.
Citando un San figlio di 'ndrocchia: certe azioni non si contano ... si pesano. Il peso specifico di un ragazzo più consapevole è molto alto... direi indeterminabile .
 
 
+2 # seba2 2015-03-02 19:53
ma quando finiscono questi bastardi
 
 
+3 # zumelle 2015-03-02 21:36
Il q.e. è necessario per cercare di mantenere in piedi la maggior bolla di sempre. Non si può o probabilmente non si vuole tornare indietro. Forse credono di essere invincibili o semplicemente sperano ci sia qualcun altro quando non saranno più in grado di controllare il mostro che stanno nutrendo.
 

SCOPRI I NOSTRI LIBRI !

A SCUOLA DI ECONOMIA

CONTANTE LIBERO

ContanteLibero.it
2002-2017 Usemlab Economia e Mercati - Credits: Wirinform.com

Le opinioni espresse non costituiscono sollecitazione all'acquisto o vendita di strumenti finanziari
e possono variare senza preavviso.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiche' non viene aggiornato con periodicita' regolare.
Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Escort

Informativa sull'utilizzo dei cookie : Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito, l'utente acconsente al loro utilizzo. Per info o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie leggi l'Informativa Estesa. Continuando a navigare nel sito, l'utente acconsente al loro utilizzo.Ok