SOSTIENI IL SITO

Usemlab



TIME - PIRAMIDE ROVESCIATA Stampa
Scritto da marcello bersini   
Giovedì 10 Marzo 2011 12:37
Condividi


timeprCon ''TIME - PIRAMIDE ROVESCIATA'', olio e foglia oro su tela (100x150) i Numeri di Fibonacci sono tornati (146-169esima serie) ma in realtà non ci avevano mai lasciato, erano solo temporaneamente sospesi nel salto spazio-temporale di TIME - TULIPOMANIA.
 
Il dinamico sfondo-orizzonte verde striato che distribuisce i Numeri a cascata in bassorilievo e in proporzione virtualmente illimitata, ospita una figura emblematica che accompagna l’uomo di qualsiasi regione della terra dalla sua più antica storia fino ai nostri giorni come una sorta di costante architettonica, una figura che è sinonimo di perfezione geometrica, con un vertice che sta in alto là dove ha dimora il divino: la PIRAMIDE. Ma le piramidi sono un prodotto umano che imita la natura, (la maestosa mole verticale delle montagne), e che esprime la tendenza dell’uomo a salire dal probabile al meno probabile in un movimento verso l’alto e alla conquista di un vertice sempre superabile. Solo innalzando sempre nuove e alte vette l’uomo (e la Natura stessa) può compensare l’appiattimento di quelle raggiunte come conseguenza dell’abitudine di abitarle.

Tuttavia non sempre questa prodezza acrobatica è esercitata nel rispetto delle leggi della fisica. E può capitare che in preda all’euforia e allo smarrimento della ragione si voglia accelerare i tempi, bleffare il limite e il corso naturale con innumerevoli trucchi e giochi di prestigio per operare l’incantesimo di un insano, impossibile ma attuale rovesciamento: la “vetta dorata” è paradossalmente la base infinitesima che per mezzo del famigerato “moltiplicatore monetario” della riserva frazionaria ingrassa e fa proliferare tutto ciò che ci sta sopra: “Crediti e debiti creati dal nulla dalle banche … Titoli di stato. Mutui. Cartolarizzazioni. Obbligazioni. Prodotti Strutturati. Derivati. Derivati di derivati, di derivati.”, in un crescendo di colori verso il rosso che non solo ricorda il conclamato protagonismo asiatico nell’incrementare la massa monetaria, ma è per antonomasia un colore che segnala pericolo, emergenza: stop, limite raggiunto.

Perchè come è naturale che ci si aspetti e che accada, una tale forma geometrica non può sopportare a lungo tutto quel peso che si esprime, nel nostro grafico, nella forza di appiattimento e stagnazione di una linea orizzontale come già ne avevamo incontrate nei precedenti dipinti. Se i primi effetti delle invisibili forze gravitazionali si percepiscono già in maniera ciclica, la struttura non è ancora precipitata. Sarà perciò un enigmatico ‘osservatore’ a fare per noi una specie di sopraluogo nel punto di rottura che forse inevitabilmente ci attende.

Cosa ci fa dunque l’OMINO sul bordo vertiginoso di un inquietante sgretolamento? è arrivato lì per verificare dal vivo l’entità di alcuni evidenti scricchiolii? è lì in cerca di una soluzione o passeggiava caparbiamente ignaro della condizione precaria della struttura? oppure stava solo fuggendo dall’ “effetto domino” che sapeva si sarebbe innescato?

Quale sarà il suo destino? cadere nel vuoto dopo che il grafico si sarà sbriciolato trascinando con sé tutta la massa della piramide? gettarsi preventivamente preso dal panico constatato l’incancrenirsi del sistema comatoso? o con un coraggioso slancio atletico saltare dall’altra parte, dove un nuovo orizzonte pare tendere verso l’alto? oppure improvvisare un volo alla mary poppins per oltrepassare la linea e superare il nichilismo economico - sempre che questo sia possibile una volta per tutte?

Ai più audaci il piacere della pre-visione o l’aggiunta di opzioni o enigmi alternativi.

MARCELLO

 

timeprb

 

 
(22 voti, media: 4.91 di 5)

Commenti 

 
+7 # Antonio 2011-03-10 14:08
Complimenti, opera impattante, che "trasmette" in modo importante.

Interessante e molto apprezzata la spiegazione del "lavoro", non distante dal mio "sentire", già espresso sul forum.

Confermo che trovo davvero azzeccata e d’effetto la linea che si spezza; è un’immagine che colpisce in modo importante.

La presenza della “pioggia di numeri”, unita alla loro rappresentazion e con diverse tonalità e “in rilievo”, conferisce un apprezzabile dinamismo e senso del movimento.

Per me il destino dell'omino è nel proprio alle sue spalle, poichè solo con lo sguardo e la memoria rivolti "concretamente" al PASSATO (tragico) riuscirà, nel PRESENTE, a compiere quel balzo che lo porterà incontro a un FUTURO di rinascita.

Chi si ferma è perduto, noi non ci fermiamo.

Grazie per l'attenzione, ciao.
 
 
+3 # marcello 2011-03-10 17:30
Antonio ho integrato parti del testo con le tue definizioni sul forum, ho però messo 'cascata' quando invece era azzeccatissima "pioggia di numeri” dove in effetti l' omino ha l'ombrello aperto... interessante la tua interpretazione da 'storico' sul suo destino...
e complimenti per la sensibilità estetica dei tuoi commenti.
grazie
 
 
+5 # giannig 2011-03-10 16:49
Bravo Marcello.

Con la Piramide Rovesciata ritroviamo senz'altro la complessa potenza espressiva dei primi capitoli della serie.

Ho poco da aggiungere alle parole dell'autore e a quelle di Antonio.

Trovo molto suggestive le proporzioni degli oggetti in relazione alla vasta superficie totale del quadro che mi danno una sensazione di vuoto, di sogno, quasi di sgomento, accentuata dalla dinamica del movimento di caduta data dai numeri.

La comprensione del significato economico della piramide rovesciata con il vertice aureo potrebbe irrimediabilmen te avvilire l'osservatore e l'omino che faticosamente ha compiuto il suo cammino sulla sottile linea, esposto continuamente al pericolo della caduta.

Questa volta lo sgomento e l'oppressione vengono mitigati dal concentrarsi dell'osservatore sull'omino che ha davanti a sé, dopo la profonda discontinuità, una linea che sembra suggerire la possibilità di una risalita dall'abisso.
 
 
+3 # marcello 2011-03-10 17:21
Esatto Giannig! La scelta delle proporzioni è una fase molto delicata per la costruzione degli elementi sopra il fondo, è la proporzione equilibrata di pieno e vuoto che DETERMINA la tipologia e la distribuzione degli elementi in gioco. Anche il sogno è azzeccato visto il carattere di visionarietà e veggenza che la pittura deve avere.
Rara è vero la via di fuga della linea, dovrò insistere di più su questo particolare non indifferente...

grazie :-)
 
 
+4 # Gatto rognoso 2011-03-10 21:50
Posso solo dire che mi piace. e molto. Penso che la sola visione porterebbe a far riflettere diversa gente totalmente ignorante di certe tematiche.
( Inaugurando una nuova forma d'arte, il "vandalismo pre-uscita dell'opera" ho provato a modificarne la tonalità: sfondo color verde dollaro. moooolto deprimente :P )
 
 
+2 # marcello 2011-03-11 01:22
Citazione Gatto rognoso:
...Penso che la sola visione porterebbe a far riflettere diversa gente totalmente ignorante di certe tematiche...


Osservazione molto pertinente Gatto rognoso, è già stato sperimentato con il primo TIME - PREVEDIBILE INEVITABILE, quindi non si può dire con un dipinto più light di quest'ultimo, in un'esposizione non certo prestigiosa ma stracolma di utenza dal "basso" in un certo senso inconsapevole di certe tematiche che, catturata e intrigata dai colori, si è avvicinata e ha pure comperato il libro: potenza dell'immagine! E anche di quelli che non si sono soffermati a parlare era bello vedere la loro espressione stranita, persa, inquieta dopo qualche attimo di attenzione al dipinto. Non li ha lasciati indifferenti, è una statistica interessante e un buon risultato.

Inizialmente la mia idea era per quel verde dollaro lì, poi a forza di guardarlo il verde del dollaro garantisco che mi è venuta la nausea. Il problema è che comunque non sono riuscito a riprodurre in foto la tonalità reale del verde di 'piramide', ce ne sono almeno 2-3 diverse nelle varie foto sul mio sito, mi dovrei attrezzare con tecnologia meno obsoleta.
 

SCOPRI I NOSTRI LIBRI !

A SCUOLA DI ECONOMIA

2002-2017 Usemlab Economia e Mercati - Credits: Wirinform.com

Le opinioni espresse non costituiscono sollecitazione all'acquisto o vendita di strumenti finanziari
e possono variare senza preavviso.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiche' non viene aggiornato con periodicita' regolare.
Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Escort

Informativa sull'utilizzo dei cookie : Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito, l'utente acconsente al loro utilizzo. Per info o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie leggi l'Informativa Estesa. Continuando a navigare nel sito, l'utente acconsente al loro utilizzo.Ok