SOSTIENI IL SITO

Usemlab



La Persone Civili comprano Oro Stampa
Scritto da Francesco Carbone   
Martedì 15 Maggio 2012 17:35
Condividi

 

civilized

Rilancio questo splendido articolo di Gary North, autore del nostro saggio Cosa è il Denaro, un libro da avere, leggere, imparare, memorizzare prima di tutti gli altri (se non l'avete ancora, compratelo insieme alle lezioni di A Scuola di Economia di modo da approfittare della spedizione omaggio). Riporto anche l'ottima premessa del traduttore Johnny. Come al solito mi sono permesso di apportare qualche correzione della traduzione già apparsa sul sito Freedonia. Per renderlo più snello ho anche tagliato una parte dell'articolo dedicata a Krugman, tuttosommato ridondante. Le idiozie dell'economista keynesiano non meritano neanche di essere riportate per esteso se non brevemente nella loro essenza.

 

___________________________________________________________________________________
 
Francamente, sono d'accordo con David Stockman e la sua linea di investimento: il modello ABCD. Dice Stockman: "Il mio modello di investimento è quello ABCD, Anything Bernanke Cannot Destroy, che tradotto vuol dire: Tutto Ciò che Bernanke non Può Distruggere. Torce elettriche, fagioli in scatola, acqua in bottiglia, oro ed una casetta in montagna." Queste cose vi torneranno molto utili perché non penso proprio che ci sarà una "ripresa" o addirittura "crescita" in posti come USA ed Europa; per preservare l'oligopolio di cui godono le varie elite, si andrà sempre di più verso una centralizzazione. Ma io non smetterò mai di dirlo: il mondo ha bisogno di meno governo, meno burocrazia, meno manipolazione finanziaria, meno guerre. C'è bisogno di libertà d'azione. Ma i pianificatori centrali perderebbero il loro status di privilegio, quindi rincoglioniscono la popolazione con meme sulla sicurezza in modo che le persone cedano "volentieri" la loro facoltà di agire a chi si presume "ne sappia di più." Ma il caos finanziario su cui il mondo si protende potrebbe fornire la scusa definitiva per un governo centrale mondiale. L'Argentina dovrà fare i conti con le decisioni sconsiderate del suo establishment, la Cina sta iniziando a fare i conti con i guai provocati dall'enorme bolla immobiliare che ha gonfiato, l'India dovrà fare i conti con le politiche Keynesiane che presto l'avvolgeranno e soffocheranno, il Brasile dovrà fare i conti con la bolla gonfiata dal governo (insieme alla banca centrale) nel settore automobilistico, ecc. I BRIC si indeboliranno e questa potrebbe essere l'occasione per il NWO di giocare la sua ultima carta. State pronti e piazzate le vostre scommesse.

Johnny Cloaca
___________________________________________________________________________________
 
 
Articolo originale di Gary North
 
"L'oro sarebbe giusto una gran cosa da cucire ai vostri capi d'abbigliamento se foste una famiglia ebraica nella Vienna del 1939, per il resto le persone civili non comprano oro – investono in attività produttive." ~ Charlie Munger
 
Charlie Munger è partner di Warren Buffett. Ha 88 anni. Potete vedere il suo commento in questo breve estratto da un'intervista alla CNBC.
 
Sembrava una persona intelligente. Ma la bravura può nascondere ben altro.
 
Gli ebrei a Vienna erano persone civili. Le persone incivili invece stavano comandando e gestendo il paese sin dal marzo 1938. Si chiamavano Nazisti.
 
Il problema che devono affrontare le persone civili sottoposte al controllo di persone incivili è legato ad una particolare illusione: non riuscire a comprendere appieno il grado di inciviltà delle persone incivili.
 
Munger avrebbe dovuto essere più specifico. L'ipotetica famiglia ebraica in questione avrebbe dovuto fare molto di più che cucire le monete d'oro ai propri vestiti nel 1939. Il capofamiglia avrebbe dovuto vendere la propria casa ed attività. Avrebbe dovuto trasferire tutti i beni di famiglia in Svizzera, in Inghilterra o negli Stati Uniti. Poi avrebbe dovuto convincere i propri cari a fare valigie per raggiungere i propri soldi. Dopo il 31 Agosto 1939, questa via di fuga divenne illegale: scoppiò la Seconda Guerra Mondiale.
 
Quel padre di famiglia avrebbe dovuto fare tutto questo entro e non oltre il 12 Marzo 1938, giorno in cui le truppe della Germania attraversarono la frontiera. Ecco perché, secondo Wikipedia.
 
Dedito a rimanere indipendente ma sotto la notevole pressione esercitata sia dei Nazisti austriaci che tedeschi, il cancelliere austriaco Kurt Schuschnigg cercò di indire un referendum affinché decidesse la popolazione. Benché Schuschnigg si aspettasse che l'Austria avrebbe votato a favore del mantenimento dell'autonomia, l'11 Marzo 1938 a Vienna ebbe luogo un colpo di stato ben pianificato dal Partito Nazista austriaco. Il referendum venne annullato. I poteri verrò trasferiti alla Germania e le truppe della Wehrmacht entrarono in Austria per far rispettare l'Anschluss. I Nazisti indirono un referendum entro il mese successivo, chiedendo al popolo di ratificare il fatto compiuto. Affermarono di aver ricevuto il 99.7% dei voti a favore.
 
UNA FAMIGLIA CHE RIUSCI' A FARE LE VALIGIE NEL MARZO 1938
 
Vorrei ora raccontare una storia nota a poche di persone. E' la storia di un uomo abbastanza saggio da essersene andato via: il Vice Sindaco di Vienna, un avversario di lunga data dei Nazisti. Si chiamava Ernst Winter.
 
Il giorno che le truppe marciarono nel paese, Winter si sedette a parlare con il suo figlio adolescente, Ernest Florian Winter, e gli disse che sarebbero fuggiti. Non disse dove sarebbero andati. Raccomandò solo a suo figlio di bruciare tutti i propri documenti. Suo figlio rispose che non c'era abbastanza tempo. Suo padre con le seguenti parole rivelò quindi di essere un uomo di grande saggezza:
 
Figlio, oggi è Sabato. Non ci sono burocrati al lavoro di Sabato o Domenica, nemmeno burocrati Nazisti. Arriveranno qui Lunedi mattina. Ti arresteranno, ma non saranno in grado di trattenerti. Hai solo 14 anni, ti rilasceranno presto. Quando ti faranno andare, lascia il paese. Io ti contatterò in seguito.
 
Avevano un posto fuori dei confini austriaci dove avevano già pianificato di rifugiarsi.
 
Accadde esattamente come disse il padre.
 
Questa storia mi è stata raccontata alla fine degli anni '90 dal figlio.
 
Il figlio in seguito sposò la figlia di un altro uomo che riuscì a portare via la propria famiglia dall'Austria: il Colonnello Von Trapp.
 
La storia qua si fa ancora più interessante. Anni dopo, gli chiesi come suo padre fosse riuscito a fuggire. Mi disse che si recò in un luogo dove i nazisti non avrebbero mai pensato di cercarlo: in Germania. Mentre le truppe stavano attraversando il confine per entrare in Austria, egli si diresse pertanto nella direzione opposta. Aveva contatti in Germania che riuscirono a portarlo dentro al paese. Poi, quando le ricerche su di lui si allentarono, si diresse verso la destinazione concordata. La famiglia, dopo essersi riunita, emigrò negli Stati Uniti.
 
Ernst Winter, Sr. comprese appieno quanto i Nazisti fossero incivili. Li aveva combattuti politicamente fin dal 1933, dai tempi in cui la città di Vienna lottava una guerra civile. Comunisti e Nazisti sparavano in tutta Vienna. Entrambi erano ben armati.
 
 
POLITICHE ECONOMICHE INCIVILI
 
I Nazisti erano Keynesiani. Il Ministro dell'Economia di Hitler, Hjalmar Horace Greeley Schacht, fu a capo della banca centrale fino al 1937. Credeva nel denaro fiat e nella spesa pubblica, in particolare nelle opere pubbliche e i grandi progetti statali. Era convinto che ciò avrebbe ridotto la disoccupazione stimolando l'economia.
 
Si oppose però alle spese militari. Si oppose anche alla persecuzione degli ebrei. A causa di queste sue posizioni nel 1937 fu costretto a lasciare il proprio incarico. Tuttavia rimase in Germania e durante la Seconda Guerra Mondiale trascorse un periodo in un campo di concentramento .
 
Sarebbe dovuto scappare nel 1933. Avrebbe sicuramente fatto bene a fuggire nel 1937. Ma rimase, sperando per il meglio. Il meglio non arrivò.
 
Il Keynesismo della Germania Nazista era di un tipo speciale: altamente centralizzato. Keynes lo aveva descritto nel 1936, quando scrisse la prefazione alla traduzione tedesca della propria Teoria Generale:
 
La teoria della produzione aggregata, argomento centrale di questo libro, può essere adattata molto più facilmente alle condizioni di uno stato totalitario [eines totalen Staates] rispetto alla teoria della produzione e distribuzione di una data produzione condotta in condizioni di libera concorrenza e in un elevato grado di laissez-faire. Questo è uno dei motivi a giustificazione del fatto che io chiami la mia teoria una teoria generale. Dal momento che si basa su un minor numero di ipotesi rispetto alla teoria ortodossa, si può aggiustare facilmente ad un campo più ampio di condizioni variabili.
 
Anche se dopo tutto l'ho elaborata guardando alle condizioni prevalenti nei paesi Anglosassoni, dove ancora prevale un ampio grado di laissez-faire, essa rimane applicabile alle situazioni in cui la gestione pubblica è più pronunciata. Poiché la teoria delle leggi psicologiche porta il consumo ed il risparmio in relazione l'uno con l'altro, l'influenza dei prestiti sui prezzi, i salari reali, il ruolo svolto dal tasso di interesse – tutte queste idee di base rimangono anche in tali condizioni parti necessarie per il nostro piano di pensiero.
 
Keynes sapeva bene come la sua teoria generale fosse in realtà una teoria della pianificazione economica centralizzata ed era pertanto consapevole che sarebbe stato più facile applicarla all'economia Nazista piuttosto che in un contesto economico di libero mercato.
 
La centralizzazione del potere nelle mani di politici, dei banchieri centrali e dei loro consulenti economici è la caratteristica prevalente della nostra epoca. E' ciò che ci distingue dalla teoria e dalle pratiche economiche del XIX secolo contro cui Keynes si scagliò demolendole. L'era precedente aveva promosso il gold standard internazionale, il libero scambio, un basso livello di tassazione ed un governo limitato. Nel 1936, Keynes respinse tutto questo. Credeva nella pianificazione economica condotta da esperti come lui.
 
I critici europei dei Nazisti, come gli economisti Ludwig von Mises, Wilhelm Röpke e F. A. Hayek, erano ostili a Keynes. Avevano ben compreso come il denaro fiat, la pianificazione centralizzata, i deficit fiscali, i controlli sui prezzi dei Nazisti facessero parte di un corpo di idee che prendeva le distanze e si allontanava da quei concetti tipici del libero mercato che avevano caratterizzato il XIX secolo. I Keynesiani infatti chiedevano di sostituire le decisioni decentralizzate, tipiche del libero mercato, con la pianificazione centralizzata condotta dagli esperti economici.
 
L'era post-Seconda Guerra Mondiale portò il trionfo del Keynesismo in Occidente. Il Keynesismo è ancora dominante nel mondo accademico e tra le fila dei banchieri centrali. Il luogo del mondo che in questo senso si contraddistingue meglio di ogni altro è il campus dell'Università di Princeton. Princeton ha sfornato due figure ben rappresentative: Ben Bernanke, ora presidente del Consiglio dei Governatori della Federal Reserve, e Paul Krugman, Premio Nobel nel 2008 – l'anno della recessione –  autore di un blog per il New York Times. Questi uomini sono i portavoce più importanti del Keynesismo nell'intellighenzia Americana.
 
Bernanke ha scritto un libro di testo di economia. E' Keynesiano. Ha timidamente condannato i deficit federali, ma non ha sollecitato il Congresso affinché si desse da fare per bilanciare il proprio budget. Per lui non è una questione urgente. 
 
La sua Federal Reserve ha fornito la materia prima di cui si nutre Keynesismo: il denaro fiat, creato dal nulla. La base monetaria in bilancio presso la Fed nel 2008 era di $900 miliardi. Oggi, è di $2.9 trilioni. Si tratta della più grande espansione della base monetaria in tempo di pace della storia degli Stati Uniti.
 
Nel frattempo, il Congresso ha legiferato deficit annuali in un range di $1.2 trilioni. Questo trend non mostra alcun segno di inversione. Si tratta dei più grandi deficit nella storia degli Stati Uniti in tempo di pace.
 
Krugman ha espresso la propria valutazione della situazione economica in questo intervento del 3 maggio. Il suo discorso inizia e finisce con un sacco di stupidaggini che sorpassano ogni limite. Secondo lui infatti:
 
Molti esperti affermano che l'economia Statunitense stia soffrendo a causa di problemi strutturali che le impediscono un rapido recupero. Tutte le prove, però, puntano ad una semplice mancanza di domanda, che potrebbe e dovrebbe essere curata molto rapidamente attraverso una combinazione di stimoli fiscali e monetari.
 
(?!?.... rileggere bene sopra: "Si tratta della più grande espansione della base monetaria in tempo di pace della storia degli Stati Uniti". "Si tratta dei più grandi deficit nella storia degli Stati Uniti in tempo di pace". Ndt... stop drinking Krugman, please STOP!)
 
CONCLUSIONE
 
Charlie Munger pensa che i veri signori dovrebbero comprare aziende redditizie, non oro. Tuttavia non riesce a rendersi conto di come l'economia sia gestita da persone non affidabili. Essa è gestita dal Congresso, dalla burocrazia e dalla Federal Reserve, cioé da uomini che condividono le opinioni di Keynes e che credono nella pianificazione centralizzata delle questioni monetarie ed economiche.
 
A gestire l'Austria nel 1939 c'erano uomini che avevano abbracciato gli stessi principi a favore dei deficit, della regolamentazione e del denaro fiat. Sulla base di tali principi quelle persone stavano gestendo la Germania sin dal 1933. Alcuni di noi, da qualche tempo, hanno ben compreso le ragioni per cui non ci si possa fidare di certe persone. Hanno quindi tirato fuori la loro attrezzatura ed iniziato a cucire.
 
Le persone civili dovrebbero comprare oro quando a comandare arrivano le persone incivili. Ma dovrebbero cominciare a farlo ancora prima, quando le persone civili al potere adottano politiche economiche tipiche delle persone incivili.

Gary North
 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Qua sotto la quotazione della società di Buffett e Munger espressa in grammi d'oro. Ora si capisce perché entrambi lo detestino tanto. Quasi 17 anni spesi a lavorare per nulla. La ricchezza sta cambiando mani e da 12 anni la coppia Buffett Munger è decisamente dalla parte sbagliata del processo. Come dice Maloney nel libro Guida per Investire nell'Oro e nell'Argento: "se non conosci le regole del gioco, verrai fatto a pezzi". E chi è andato dietro a questa coppia di subdoli inflazionisti di regime negli ultimi 12 anni è stato fatto a pezzi. Guardare per credere.
 
 
berkshire
 
(18 voti, media: 5.00 di 5)

Commenti 

 
+1 # AlessioR 2012-05-15 23:39
north è unico..speriamo che sia il più longevo possibile..

...The whole world is committed to monetary inflation as the supreme cure-all for bad economic times...Those forecasters who are predicting price deflation...Nobody is predicting an actual decrease in the money supply...
...Why anyone worries about price deflation is a mystery to me...
...at a 0% interest rate, people will usually borrow money to buy things. But people who are in a financial jam will sell assets for money. If central bankers can't get producers to borrow money at 0%, they can probably persuade consumers to borrow at 0%. But even if they can't persuade consumers to buy, they can lend money to the government, which will send the money to special-interest groups. Those groups will take the money. They will spend it...
...At some low price – such as "free" – people will take the money. That's why price inflation is in our future..
 
 
0 # AlessioR 2012-05-15 23:40
...The FED knows it is pushing on a string. It loves that string...So far, the FED has won. Yet deflationists argue that the economy is in a deflationary spiral that the FED cannot prevent. They do not know what they are talking about. They never have.
 
 
+1 # Francesco 2012-05-16 00:49
Ancora apportato qualche correzione alla traduzione, l'asciuttezza di gary north è tosta da rendere bene in italiano, spero di esserci riuscito anche con questo pezzo. mi ero reso conto anche che le cifre del deficit e dell'inflazione monetaria di bernacca erano espresse in bigliardi e miliardi, anzi che in miliardi e trilioni.... by the way anche io all'inizio mi divertivo a tradurre billion, con biliardi, ma oramai preferisco miliardi... il trilione invece è il trilione bello così... splendente come il sole! a proposito... ma il drago della BCE quando è che sputa un altro trilione di neuri per sostenere la baracca fallita dell'europa?? we need time!! more time to educate more people before the deluge comes!
 
 
+1 # Francesco 2012-05-16 00:54
and before the gold bull is over... il fondo berkshire in quel grafico tornerà ben sotto 1000... con tutte le assicurazioni che ha in pancia buffett i suoi investitori hanno da farsi venire un mal di panza davvero indimenticabile .
 
 
+2 # Francesco 2012-05-16 00:56
and more su buffett:

Warren Buffett had a great ride: he grew his wealth and businesses in an era of unprecedented growth powered by OPEC oil, and later by Chinese industrialism. That era — the era of the American free lunch — is coming to an end. His insights are applicable to that era. Today is a different world.


oh come capisco queste parole. ad averle fatte capire a chi mi sta vicino, davvero vicino tutti i giorni! ma come si dice, non c'è più sordo di chi non vuol sentire.
 
 
0 # lara122 2012-05-16 08:18
nowhere in africa ottimo film sulla fuga in Kenya di un ebreo che è riuscito a partire , ma troppo tardi. E' il mio ispiratore nella nostrra situazione attuale.
 
 
0 # Antonio 2012-05-16 08:26
Un bel pezzo.

G. North è davvero unico e grande; un diamante.

"...Le persone civili dovrebbero comprare oro quando a comandare arrivano le persone incivili. Ma dovrebbero cominciare a farlo ancora prima, quando le persone civili al potere adottano politiche economiche tipiche delle persone incivili...".

Sempre G. North: "... i politici mentono, gli elettori credono...".

That's all!
 
 
0 # Johnny Cloaca 2012-05-17 01:09
Una famiglia curiosa quella dei Buffet: www.thestreet.mobi/story/11526015/1/ron-paul-has-a-gold-ally-in-the-buffett-family.html?cm_ven=GOOGLEN

Citazione:
Leila Buffett, Warren Buffett's mother, recounted that her husband said he considered only one issue when deciding whether to vote for a bill: "Will this add to, or subtract from, human liberty?" Now that's a concept that more policymakers, business leaders, their economists and advisers should ask of themselves.


Grazie Francesco per lo spazio dedicatomi. ;-)
 
 
0 # Francesco 2012-05-17 02:16
grazie a te per la traduzione.

But when you recall that one of the first moves by Lenin, Mussolini and Hitler was to outlaw individual ownership of gold, you begin to sense that there may be some connection between money, redeemable in gold, and the rare prize known as human liberty.
 
 
+2 # Borderline.Keroro 2012-05-17 07:59
Le persone civili comprano oro.
Se Equitalia lascia loro due lire in tasca.
 
 
+1 # Antonio 2012-05-17 09:02
Un preoccupato Nigel Farage, perfettamente in tema con questo pezzo, a proposito di fare le valigie, fuga e affini:

"... Quello che i simpatici ragazzi dell’Unione Europea tenteranno di fare nei prossimi mesi è instaurare, mentre la crisi peggiora di giorno in giorno, qualcosa di molto simile ad una dittatura. Non so, osservando l’umore dell’opinione pubblica, se anche questa volta riusciranno a farla franca … le somiglianze con gli anni ’30 sono piuttosto agghiaccianti…“
 
 
+1 # Francesco 2012-05-17 16:58
Più ripenso a questo pezzo di North, più lo trovo bello e illuminante. L'unica questione qua è se siamo governati da persone civili o incivili. Che oramai seguano le politiche delle persone incivili è dato di fatto indiscutibile... ma quello che mi chiedo tutti i giorni guardando quella faccia da cadavere (una sola??) che mi mettono ovunque sotto gli occhi è ma questa è una persona civile?? O davvero un criminale in disguise??
 
 
0 # Borderline.Keroro 2012-05-17 23:30
La seconda che hai detto.
 
 
-2 # A.TRUNFIO 2012-05-17 18:38
Ciao Francesco, perchè non scrivi qualcosa per spiegare le differenze tra :
oro finanziario
oro fisico
ETF basati sull'oro

Qualcuno può mettere qualche commento a riguardo.
Soprattutto sul fatto che sull'oro fisico si paga l'iva e quindi si perde subito il 21 % del suo valore se si rivende.
 
 
+1 # Francesco 2012-05-17 21:39
sull'oro fisico, in lingotti, definito da investimento, non c'è nessuna IVA! c'è solo sull'argento. a meno che oggi non abbiano cambiato la legge :)
 
 
+1 # Francesco 2012-05-17 21:39
e neanche sull monete... sterline krugerrand, gold eagle, etc etc...
 
 
0 # Antonio 2012-05-17 22:58
A me ha colpito in modo "clamoroso" quest'altro pezzo di G. North, decisamente in tema e abbinabile con quello appena postato sopra:
http://lewrockwell.com/north/north1045.html

In evidenza, fra le altre:
"... When a nation's leaders are visibly helpless, a few people start looking for ways of protecting themselves. The vast majority have few capital reserves. They live from paycheck to paycheck. The very rich have their vacation retreats. They think they are in good shape. The middle class has little wiggle room.

Along come critics of the system who tell people that they had better wiggle. This message is not well received.

Many are called, but most are frozen...".
 

SCOPRI I NOSTRI LIBRI !

A SCUOLA DI ECONOMIA

CONTANTE LIBERO

ContanteLibero.it
2002-2014 Usemlab Economia e Mercati - Credits: Wirinform.com

Le opinioni espresse non costituiscono sollecitazione all'acquisto o vendita di strumenti finanziari
e possono variare senza preavviso.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiche' non viene aggiornato con periodicita' regolare.
Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Escort